Radicamento: psoas, il muscolo dell’anima

donna, natura, bellezza, foglie, radici, albero,Mi ha fatto piacere quando ho incontrato l’incredibile lavoro di Liz Koch perché ha confermato gran parte di quello che stavo intuendo da sola. Avevo cominciato ad aprire e chiudere la mia pratica dello yoga con posture di apertura del bacino con il preciso intento di rilasciare la tensione nel mio psoas e flessori dell’anca. Respiravo e immaginavo la tensione che scorreva fuori dai muscoli contratti per essere rilasciata come energia nel torso.

Ha funzionato, sentivo il mio corpo ammorbidirsi eppure in qualche modo diventare più forte.

Leggendo Liz Koch ho subito capito che cosa stavo facendo – per imparare a rilassare lo psoas stavo letteralmente energizzando il mio nucleo più profondo mediante la riconnessione con la potente energia della terra. Secondo Koch, lo Psoas è molto più di un nucleo stabilizzante muscolare; si tratta di un organo di percezione composto da tessuto bio-intelligente e “letteralmente incarna la nostra più profonda necessità di sopravvivenza, e più profondamente, il nostro elementare desiderio di sviluppo.”

Beh, ho dovuto imparare di più. Questa è solo una spolverata di ciò che Liz Koch e altri hanno scoperto per quanto riguarda l’importanza dello psoas per la nostra salute, vitalità e benessere emotivo.

Il muscolo Psoas è il più profondo dei muscoli del corpo umano che interessano il nostro equilibrio strutturale, l’integrità muscolare, la flessibilità, la forza, la gamma di movimento, mobilità articolare e il funzionamento degli organi.

Su entrambi i lati della colonna vertebrale, lo Psoas si estende lateralmente dalla 12esima vertebra toracica (T12) a ciascuna delle cinque vertebre lombari. Da lì scorre verso il basso attraverso il nucleo addominale, il bacino, per fissarsi alla parte superiore dell’osso femorale (coscia).bacino, colonna vertebrale, psoas maggiore, psoas minore

È l’unico “muscolo” che collega la colonna vertebrale alle gambe. È responsabile di sostenerci in posizione verticale, e ci permette di sollevare le gambe per poter camminare. Un sano e funzionante psoas stabilizza la colonna vertebrale e fornisce sostegno attraverso il tronco, formando un basamento per gli organi vitali del nucleo addominale.

Lo Psoas è collegato al diaframma attraverso il tessuto connettivo che interessa sia il nostro respiro che le reazioni di paura. Questo perché è direttamente collegato al cervello rettile, la parte interna più antica del tronco encefalico e del midollo spinale. Come scrive Koch “Molto prima che la parola o la capacità organizzativa si svilupparono nella corteccia cerebrale, il cervello rettiliano, noto per i suoi istinti di sopravvivenza, manteneva già il nostro funzionamento essenziale di base.”

cervello rettiliano, neomammifero, paleomammifero, neocorteccia

Koch ritiene che il ritmo veloce del nostro stile di vita moderno (che gira sull’adrenalina del sistema nervoso simpatico) cronicamente attiva e contrae lo psoas – rendendolo letteralmente pronto a correre o combattere. Lo Psoas ti aiuta a entrare in azione – o a richiuderti in una capsula di protezione.

Se però costantemente lo contraiamo a causa di stress o tensione, il muscolo alla fine comincia ad accorciarsi portando ad una serie di condizioni dolorose, tra cui mal di schiena, dolore sacro-iliaco, sciatica, problemi ai dischi vertebrali, spondilolisi, scoliosi, degenerazione dell’anca, dolore al ginocchio, dolori mestruali, sterilità, e problemi digestivi.

 

muscoli psoas e possibili infiammazioni

Lo Psoas contratto non solo crea problemi strutturali, comprime gli organi vitali, fa pressione sui nervi, interferisce con il movimento dei fluidi, e ostacola la respirazione diaframmatica.

In realtà, “è così intimamente coinvolto in tali reazioni fisiche ed emotive di base, che uno Psoas cronicamente contratto segnala continuamente al vostro corpo che siete in pericolo, al fine di esaurire le ghiandole surrenali e minacciare il sistema immunitario.”

E secondo Koch, la situazione è aggravata da molte cose nel nostro stile di vita moderno, dai sedili delle auto ai vestiti stretti, dalle sedie alle scarpe che distorcono la nostra postura e limitano i nostri movimenti naturali e in seguito contraggono i nostri psoas.

Koch ritiene che il primo passo per coltivare uno psoas sano è quello di rilasciare inutili tensioni. Ma “lavorare sullo Psoas non è cercare di controllare il muscolo, bensì coltivare la consapevolezza necessaria per rilevare i suoi messaggi. Si tratta di fare una scelta cosciente di diventare somaticamente consapevoli.”

Uno Psoas rilassato è simbolo di gioco e di espressione creativa. Contratto è pronto a correre o combattere, quando invece è rilassato e rilasciato è pronto ad aprirsi ed espandersi, a ballare. In molte posizioni yoga (come l’albero) le cosce non possono pienamente ruotare verso l’esterno a meno che lo psoas non sia rilasciato. Quando è rilasciato permette alla parte anteriore delle cosce di allungarsi e alla gamba di muoversi indipendentemente dal bacino, migliorando con una qualità profonda il sostegno del busto intero e del cuore.

radicamento e piedi sull'erbaKoch ritiene che coltivando uno Psoas sano, possiamo riaccendere le energie vitali del nostro corpo, imparando a riconnetterci con la forza vitale dell’universo. All’interno della tradizione taoista lo Psoas è definito come la sede o il muscolo dell’anima, e circonda il più basso “Dan tien” (hara): un importante centro di energia del corpo. Uno psoas flessibile e forte ci radica e consente alle energie sottili di fluire attraverso le ossa, muscoli e articolazioni.

Koch scrive: “Lo Psoas, conducendo energia, ci connette alla terra, come un filo di massa che previene gli shock ed elimina le correnti elettrostatiche in una radio. Liberata e messa a terra, la colonna vertebrale può risvegliarsi” … ”Come i flussi gravitazionali trasferiscono il peso attraverso ossa, tessuti, muscoli, fino alla terra, così la terra risponde rimbalzando energia su di nuovo alle gambe e colonna vertebrale, energizzando e animando la postura, il movimento e l’espressione . Si tratta di una conversazione ininterrotta tra il sé, la terra e il cosmo”.

Forse vale la pena, la prossima volta che si pratica, di sintonizzarsi e prestare attenzione a ciò che il vostro bio-intelligente Psoas ha da dirvi.

 

Tradotto liberamente da: The Psoas: Muscle of The Soul di DANIELLE PROHOM OLSON

leggi anche: Learn How to Release Your Psoas

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...